Torna a Dingo

Adesivi 100 anni Moto Guzzi

5,00

Il kit è formato da 2 adesivi.

Realizzati in stampa digitale su PVC bianco e laminazione lucida
Misure: 6 x 5.5 cm ciascuno.

Vedi in anteprima i costi di spedizione e la nostra politica sulle spedizioni

Descrizione

Adesivi 100 anni Moto Guzzi

 

Cosa contiene il kit 100 anni Moto Guzzi

Il kit è formato da 2 adesivi in commemorazione dei 100 anni Moto Guzzi.

Il colore non è oro ma una rappresentazione.

Realizzati in stampa digitale su PVC bianco e laminazione lucida
Misure: 6 x 5.5 cm cad.

Il prodotto è già pronto all’uso, non necessita di materiali o strumenti per la applicazione.
Trovi altri prodotti Moto Guzzi qui Moto Guzzi @ TabbooStudio

 

Vedi in anteprima i costi di spedizione e la nostra politica sulle spedizioni

 

Specifiche tecniche

  • Gli adesivi saranno realizzati in stampa digitale su PVC bianco laminato (la laminazione protegge il prodotto dai graffi e dai raggi UV)
  • Sono resistenti agli agenti atmosferici e verniciabili con vernici acriliche.
  • PVC Orafol
  • Laminazione Orafol
  • Stampa con plotter Roland
  • Colori di stampa EcoSol Max

Se hai una idea e vorresti realizzare un adesivo contattaci

 

Un pò di storia Moto Guzzi (Fonte Wikipedia)

Il 15 marzo 1921 il cavaliere Emanuele Vittorio Parodi, suo figlio Giorgio e l’amico di quest’ultimo Carlo Guzzi fondarono a Genova la “Società Anonima Moto Guzzi“, con sede legale nel capoluogo ligure e sede produttiva a Mandello Tonzanico (poi divenuto Mandello del Lario). Per il logo fu scelta l’aquila, simbolo dell’aviazione del Corpo della Regia Marina nella Prima Guerra Mondiale, in onore al comune amico e mancato quarto socio Giovanni Ravelli, pilota motociclistico e aviatore, caduto con il suo aereo durante un volo di collaudo nel 1919.

220px Prototipo GP Guzzi Parodi

Il prototipo G.P. 500 del 1919

La prima moto, la G.P. 500 (sigla di Guzzi Parodi), venne costruita con il supporto tecnico dell’officina di Giorgio Ripamonti, dove Carlo Guzzi aveva appreso i primi rudimenti della meccanica, appassionandosi alle due ruote.

220px Moto Guzzi Normale

La “Normale“, primo modello di serie della Moto Guzzi

Il nome “GP” viene abbandonato subito e trasformato, con il consenso unanime di tutti i soci, in Moto Guzzi, anche per evitare fraintendimenti con le iniziali Guzzi-Parodi con quelle del solo Giorgio Parodi.

In una forma leggermente modificata (due valvole anziché quattro) al fine di contenere i costi di produzione, già nell’anno della fondazione vengono costruite 17 motociclette come modello Normale. Le nuove moto hanno già, come emblema di fabbrica, un’aquila con le ali spiegate, scelta in ricordo dell’amico Giovanni Ravelli, morto in un incidente aereo.

La “Normale” aveva una potenza pari a 8 CV e viaggiava alla ragguardevole velocità per una motocicletta dell’epoca di 80 km/h. Già questo primo modello portava qualcosa di nuovo nel panorama motociclistico (le caratteristiche di avanguardia non hanno mai lasciato la Moto Guzzi in tutta la sua storia), essendo la prima moto della storia dotata di cavalletto centrale.

Le prime gare

220px MotoGuzziGT500Norge1928

Una Norge del 1928

La neonata casa di Mandello esordisce nelle competizioni nel settembre 1921, schierando due delle 17 “Normali” costruite alla Milano-Napoli, ultima prova stagionale del Campionato Motociclistico Italiano su Strada. Le due macchine, condotte da Mario Cavedini e Aldo Finzi, si comportano egregiamente, riuscendo a compiere senza rotture gli 877 km della massacrante gara di gran fondo.

Con la partecipazione alle gare, la marca si afferma sempre di più. La definitiva consacrazione viene dalla trionfale partecipazione al Campionato Europeo del 1924, nel quale la “500 C4V” conquista il primo, secondo e quinto posto.

Nel 1925 a Mandello sono costruite, da oltre 300 lavoratori, 1.200 motocicli mentre nel 1927, accanto ai modelli sportivi, per sperimentare l’efficienza del telaio elastico (prima moto al mondo dotata di questo accorgimento), il fratello di Carlo, Giuseppe Guzzi, guida un nuovo modello, la G.T. in un raid a Capo Nord. Grazie al successo dell’impresa la G.T. poté fregiarsi meritatamente del nome Norge datogli inizialmente in onore del dirigibile omonimo. Giuseppe fu l’inventore, e il progettista insieme con Carlo, del telaio elastico con sospensione posteriore. Va ricordato che, precedentemente a questa innovazione, i motocicli avevano il telaio completamente rigido analogamente alle biciclette.

220px Guzzi 250 anni %2730

Moto Guzzi 175 P del 1935

Già nel 1929 la produzione raggiunge le 2.500 unità e l’azienda, nel 1934, è il maggiore produttore di motociclette in Italia.

Sotto il profilo agonistico il 1935 viene ricordato perché, con le sue 250 cm³ monocilindrica e 500 cm³ bicilindrica, conquista la prestigiosa gara internazionale Tourist Trophy con il pilota irlandese Stanley Woods. Successo poi ribadito nel 1937 con il pilota italiano Omobono Tenni che lo conquista nella categoria 250.

Le moto militari

Il 1939, appena prima dello scoppio della seconda guerra mondiale, Moto Guzzi presenta l’Airone 250, una moto di notevole successo tanto da raggiungere i 29.926 esemplari costruiti. Con la guerra la produzione è quasi totalmente rivolta al mercato militare fornendo diversi modelli al Regio Esercito, come l’Alce, il Trialce e l’Airone militare.

Guzzino e Falcone

Dopo il conflitto, nel 1946, la società diventa Moto Guzzi S.p.A. e al fine di conquistare nuove tipologie di clienti, la ditta costruisce il suo primo motore a 2 tempi, il Guzzino 65, progettato da Antonio Micucci e di cui, solo nei primi tre anni vengono costruiti 50.000 esemplari. Questa moto leggera viene prodotta negli anni cinquanta col nome di Cardellino e cilindrata portata infine a 83 cm³. Interessante veicolo economico e robusto, era caratterizzato da una trave diagonale del telaio che dall’asse di sterzo correva diagonalmente fino al fulcro del forcellone in lamiera stampata, sulla cui intersezione erano installate due piccole molle con funzione ammortizzante. Il motore risultava così appeso esteriormente alla trave diagonale. La struttura progettuale di quegli anni era suddivisa in tre squadre autonome. La prima, capeggiata personalmente da Carlo Guzzi, si occupava principalmente di aggiornare e migliorare i modelli della gamma media. La seconda, affidata a Micussi, si occupava della progettazione e dello sviluppo dei modelli con propulsore a due tempi. La terza, il celebre “reparto corse”, era affidata al vulcanico “tridente” CarcanoToderoCantoni.

220px Moto Guzzi Falcone red vl

Il Guzzi Falcone

Risale invece al 1950 la nascita del modello Falcone, moto grande sulla canonica cilindrata di 500 cm³, che rappresenterà per un lunghissimo periodo il sogno dei motociclisti italiani (ricordiamo che la cilindrata e le dimensioni importanti rappresentavano il massimo della tecnica motociclistica del tempo). Anche in questo caso Carlo Guzzi introduce una delle sue invenzioni destinate a far storia, anche se sarebbe più opportuno parlare di innovazione in questo caso. In quegli anni la sospensione anteriore, finora generalmente affidata a un sistema a quadrilatero sviluppato in diverse forme, con l’esclusione di Moto Guzzi che si affidava a un sistema a biscottini inferiori oscillanti (dal pregevole comportamento stradale ma dall’escursione limitata), stava adottando sempre più diffusamente il sistema a forcella telescopica. A differenza delle forcelle finora utilizzate, dove il fodero era solidale alla ruota, Carlo Guzzi ne ribalta il concetto applicando il fodero alla parte superiore (oggi il sistema viene definito forcella rovesciata o forcella upside-down) con il notevole vantaggio di mantenere la struttura più rigida nel punto di maggiore stress meccanico, in corrispondenza del cannotto di sterzo, risolvendo inoltre il problema dei carichi sospesi. Ancora oggi le forcelle rovesciate sono utilizzate nei modelli più sportivi per questa loro caratteristica.

Continua su Wikipedia

Informazioni aggiuntive

Peso 8 g
Dimensioni 6 × 5.5 × 0.1 cm

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Solamente clienti che hanno effettuato l'accesso ed hanno acquistato questo prodotto possono lasciare una recensione.

Ti potrebbe interessare…

Moto Guzzi Dingo Granturismo
Adesivi decalcomanie Moto Guzzi Dingo Granturismo

Adesivi decalcomanie Moto Guzzi Dingo Granturismo Questo Kit di adesivi è unico nel suo genere. Siamo gli unici al mondo ad avere questo fantastico ed introvabile kit Adatto a Moto Guzzi Dingo Granturismo. Il kit è composto da: 2 adesivi … Continua

nessuna recensione 10,00 Scegli
Kit completo restauro Moto Guzzi Dingo 3 marce
Kit completo restauro Moto Guzzi Dingo 3 marce
Kit adesivi per Moto Guzzi Dingo 3 marce
nessuna recensione 20,00 Aggiungi al carrello
Dingo Cross 50
Kit adesivi Moto Guzzi Dingo Cross 50

Kit adesivi Moto Guzzi Dingo Cross 50 Il Kit adesivi Moto Guzzi Dingo Cross 50 è unico nel suo genere. Siamo gli unici al mondo ad avere questo fantastico ed introvabile kit. Adatto a Moto Guzzi Dingo Cross 50. Il … Continua

nessuna recensione 10,00 Scegli